Claudio Caniglia

Nasco ad Ancona nel giorno di Sant’Antonio, ovvero domenica 17 gennaio 1965 alle ore 13:30 ca. quindi per chi crede nello zodiaco (io no) sono del segno del Capricorno, ascendente Gemelli.

Dopo la scuola dell’obbligo scelgo il Liceo Scientifico “L. Savoia” e mi diplomo nel 1994 con votazione 42/60.

Scelgo poi la Facoltà di Economia e Commercio ad Ancona e mi laureo con due specializzazioni (Gestione Aziendale e Politico, Economico, Amministrativo) nel 1993 con votazione 105/110 con una tesi sperimentale dal titolo: “L’integrazione no food nelle imprese commerciali complesse, il caso della Végé Italia”.

Frequento un Master Assiform per “Direttori di Supermercati”, poi entro nel mondo del lavoro, anche se tante esperienze pratiche le avevo già fatte nel negozio “Bamby” di abbigliamento per bambini e ragazzi dei miei genitori che avevano gestito per oltre trent’anni nel corso principale di Ancona.

Prima esperienza presso l’ipermercato IperSidis della Baraccola di Ancona, poi sempre ipermercati Joyland di Ancona e dopo Fano, dal quale dò le dimissioni perché l’azienda passava di proprietà e le prospettive di carriera da regionali diventavano nazionali ed erano incompatibili con la mia passione cinofila in fieri di Allevatore di Pastori Belgi.

Vengo chiamato a fare da consulente in una piccola azienda familiare di distributori automatici e poi per realizzare il progetto per il futuro da me stesso ipotizzato entro a far parte della società. Al termine della prima fase di realizzazione del progetto, per incompatibilità caratteriali con il fondatore dell’azienda, lascio l’attività per proseguire con un’altra azienda.

Un incidente mortale di uno dei più bravi ragazzi mai avuti alle dipendenze mi demotivano totalmente a proseguire nel settore.

Collaboro nella tabaccheria della mia compagna in attesa dell’idea giusta che arriva nel 2005 con il progetto di un grosso negozio di articoli per animali ad Ancona che ne era totalmente sprovvista.

L’apertura avvenuta a giugno del 2006 e gli anni successivi sono un crescendo di fatturato e successo, ma un grave incidente acustico patito nel 2008 che mina fortemente la mia salute a livello psicofisico mi fa perdere il controllo della situazione a favore di un ex dipendente alquanto scaltro coadiuvato da collaboratori altrettanto consenzienti.

Nel 2011 vengo addirittura estromesso dall’attività senza giustificato motivo e in un periodo di crisi economica generale, con gravi postumi dal trauma patito ed una famiglia a carico mi devo reinventare un futuro.

A forza di guardarmi allo specchio riesco a ritrovare me stesso, con tutta l’energia e la forza che mi hanno sempre contraddistinto ed anche un pizzico di cattiveria per le ingiustizie subite riparto con l’impresa “Claudio Caniglia Srl Unipersonale”, un Superstore per animali Pet a marchio Zampy sempre ad Ancona.

Il format realizzato è evoluto ed il successo immediato, tant’è che vengo coinvolto dalla società proprietaria del marchio Zampy di Siena per sviluppare progetti nel settore Pet, attuale mio impegno assieme alla gestione e sviluppo della mia Srl Unipersonale.